Google Authorship? R.I.P.

09 Novembre 2014

L'Authorship di Google (vedi il mio articolo di qualche mese fa) ha avuto veramente una vita breve!
Nata a Giugno 2011, rimasta in stato vegetativo per più di un anno, ha avuto il suo boom e la sua crescita ricca di aspettativa fino al suo abbandono qualche mese fa e la sua morte ufficiale datata 24 agosto 2014.
Vi ricordate quando nei risultati di una ricerca di Google vedevate le faccine degli autori? Attiravano l'attenzione, aumentavano i click, era un "indicatore di trust".
Ora non ci sono più!

rip

 

Capisco la frustrazione per la perdita di tempo e di risorse dei vari webmaster che avevano cercato di implementare le Authorship per tutti i loro contenuti.
Ma non è la prima volta che Google fa un violento dietrofront. Cerchiamo di capire il perchè di questo.

 

Ecco cosa ha detto John Mueller il 28 agosto 

"I've been involved since we first started testing authorship markup and displaying it in search results. We've gotten lots of useful feedback from all kinds of webmasters and users, and we've tweaked, updated, and honed recognition and displaying of authorship information. Unfortunately, we've also observed that this information isn't as useful to our users as we'd hoped, and can even distract from those results. With this in mind, we've made the difficult decision to stop showing authorship in search results (....)

Going forward, we're strongly committed to continuing and expanding our support of structured markup (such as schema.org). This markup helps all search engines better understand the content and context of pages on the web, and we'll continue to use it to show rich snippets in search results.

It's also worth mentioning that Search users will still see Google+ posts from friends and pages when they're relevant to the query — both in the main results, and on the right-hand side. Today's authorship change doesn't impact these social features.

As always, we'll keep expanding and improving the set of free tools we provide to make it easier for you to optimize your sites. Thank you again, and please keep the feedback coming."

 

Quindi, secondo le affermazioni di Mueller, l'Authorship non era utile. Ma in che senso ?

Certo, mostrare una faccine di fianco ad un post perchè l'autore ha inserito dei tag nell'html non può essere un indice di autorevolezza; inoltre sicuramente c'è stata una "difficoltà di implementazione", in quanto in certi settori come ovviamente quello del SEO la percentuale di faccine di fianco ai post era elevatissima mentre nella stragrande maggioranza degli altri settori il numero di faccine era molto inferiore se non quasi assente.

Poi sembra che a Google l'implementazione delle faccine costrasse più di quanto non ne potesse ricavare. I maligni dicono che distogliessero l'attenzione dai banner pubblicitari, togliendo quindi delle entrate dirette a Google tramite l'AdWords, ma sono convinto che questo fosse ininfluente.

Tante sono le congetture su come su muoverà Google nei prossimi mesi: personalmente sono convinto che Google non abbia perso l'interesse nel premiare gli autori di contenuti di qualità.

La direzione sembra essere quella degli structured markup (vedi schema.org) ma questo sembrerebbe complicare ancor più la vita ai webmaster.

In ogni caso.... vi terremo informati !

 

Vota questo articolo
(0 Voti)

fotoSfondoAutore: Fabio Caniggia
Artista Marziale, Blogger e Consulente Informatico.
Per il resto, "Chi sono io" è la domanda esistenziale – il koan – per eccellenza e non posso certo rispondervi in 2 righe !

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy facendo click sul pulsante "DETTAGLI"